Tau Zero

Chi legge la storia, se non gli storici quando correggono le loro bozze?

Archive for the ‘Regno Unito’ Category

A Canossa

leave a comment »

Il 12 agosto scorso, Bill Emmott commentò la situazione economico-finanziaria (che come il Titanic era già in rotta di collisione verso il proverbiale iceberg) dipingendo i pessimisti come tante petulanti cassandre. “Macché crisi e crisi”, scriveva allora.

A distanza di qualche mese, Emmott torna su quelle affermazioni con l’animo contrito ma finalmente sollevato del penitente. “Mi sono sbagliato”, “le mie previsioni erano esageratamente ottimistiche”, dice oggi. Ma poi lascia comunque aperta la porta alla speranza: la recessione c’è ma aspettiamo a fasciarci la testa.

Annunci

Written by Gianni Silei

sabato, 3 gennaio 2009 at 9:31 am

Il segreto di pulcinella

leave a comment »

Clamoroso alla BBC: spulciando nei National Archives tra le carte del governo laburista Callaghan, i cronisti hanno scovato un documento segreto.

Nel quale si parla dello stato pietoso in cui versavano allora l’esercito e le altre forze armate di Sua Maestà.

Insomma, parrebbe – ma non è certo – che negli anni Settanta l’unica efficace difesa per il Regno Unito contro un’aggressione sovietica, fosse rappresentata dai missili nucleari americani.

Written by Gianni Silei

martedì, 30 dicembre 2008 at 12:29 pm

A lezione dagli ammutinati

leave a comment »

Nel 1931, i marinai della HMS Hood, nave da guerra fiore all’occhiello della flotta di sua maestà, insieme agli altri marinai della base navale di Invergordon, in Scozia, si ammutinarono. I futuri (sfortunati) eroi della “caccia alla Bismarck” e i loro commilitoni chiedevano al governo provvedimenti urgenti, in primo luogo a tutela dei salari e delle loro paghe, per fronteggiare la gravissima crisi economica.

Written by Gianni Silei

lunedì, 29 dicembre 2008 at 10:06 am

L’estremista della porta accanto

leave a comment »

Il dottor Peter Harbour è un settantenne fisico e docente unversitario. Per anni ha lavorato al reattore della centrale di Culham, nell’Oxfordshire e adesso si gode la meritata pensione. Un tipo tranquillo. Mai un problema con la giustizia, a parte qualche multa.

Adesso però, sulla base di una curiosa applicazione del Protection from Harassment Act, una legge del 1997 originariamente concepita per combattere il fenomeno dello stalking, il pacifico dottor Harbour è  stato registrato nel casellario criminale della polizia sotto la voce “domestic extremist“.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Gianni Silei

martedì, 23 dicembre 2008 at 9:56 am

Settore pubblico e pensioni d’oro. Un problema anche inglese

leave a comment »

Ieri, reduce da una riunione a Westminster, Nigel Edwards ha lanciato il classico sasso nello stagno. In pratica, ha dichiarato che in Inghilterra c’è un evidente problema nella previdenza dei dipendenti del settore pubblico. Le pensioni sono troppo alte e ci sono disparità di trattamento rispetto ai lavoratori che operano nel privato .

Quella di Edwards è solo l’ultima presa di posizione su una questione che la crisi ha reso di assoluta attualità. Colpa dei sindacati? Dei governi laburisti? Una cosa è certa, scrive

Larghe intese? L’anticamera del fascismo. Parola di Tony Benn

with 3 comments

Il grande vecchio del laburismo di sinistra, Tony Benn, replica sul Guardian ad un precedente articolo del deputato del Labour Frank Field che ha proposto, in caso di emergenza, di creare un National Government, in pratica un governo di “larghe intese” aperto ai Tories e a tutte le altre forze politiche.

Nel suo intervento Field, di fatto, riproponeva – aggiornata – la soluzione adottata nel Regno Unito nel 1931, quando conservatori, liberali e laburisti (anche se della componente che faceva capo a MacDonald) formarono un governo di unità nazionale per superare le difficoltà provocate dagli effetti della crisi del ’29.

Quella soluzione – dice Benn – fu una disgrazia perché non solo non risolse i problemi ma rappresentò una grave ferita per le regole democratiche, aprendo per giunta la strada a movimenti di ispirazione fascista come le camice nere – la BUF – di Oswald Mosley (fino a pochi anni prima l’enfant prodige proprio del Labour). Era sbagliata allora,  sarebbe sbagliata  oggi.

(Flash) Gordon Brown, salvatore del mondo

leave a comment »

Written by Gianni Silei

mercoledì, 10 dicembre 2008 at 8:28 pm