Tau Zero

Chi legge la storia, se non gli storici quando correggono le loro bozze?

Archive for the ‘politica estera’ Category

Il ministro della fifa

leave a comment »

Per l’ex ministro degli esteri Martino l’attuale responsabile della Farnesina, Frattini è come don Abbondio. Un “fifone“, “uno al quale non si può chiedere coraggio”, “perché non ne ha”.

A questo punto, proseguendo nella divagazione manzoniana, sarebbe divertente sapere se – e chi –  potrebbe vestire i panni dell’Innominato, della Monaca di Monza o, che so, di Donna Prassede. Ma soprattutto, se le cose stanno così, c’è solo da sperare, sempre manzonianamente, che sopra le sorti del nostro paese, vigili – benevola – la divina Provvidenza.

Ban Ki on the Moon

with 3 comments

Qualcuno sa che fine hanno fatto le Nazioni Unite?

Written by Gianni Silei

domenica, 4 gennaio 2009 at 5:22 pm

Il gioco del silenzio

leave a comment »

A Gaza è partita l’offensiva terrestre di Israele. E Obama? Al momento preferisce un silenzio che però si fa di ora in ora sempre più imbarazzante.  Silenzio rotto occasionalmente solo per recitare il mantra del momento: “un presidente alla volta“. L’Europa in maggioranza partecipa anch’essa al gioco del silenzio. Interrotto altrettanto sporadicamente – secondo una tradizione ormai consolidata – da dichiarazioni contraddittorie, rese in rigoroso ordine sparso.

Aggiornamento: Il papa ha chiesto di fermare la guerra. Ma servirà a poco.

Written by Gianni Silei

domenica, 4 gennaio 2009 at 12:26 pm

E se passassimo direttamente al 2010?

leave a comment »

Dov’è che andrà male quest’anno? All’inizio del 2008, scrive

Written by Gianni Silei

venerdì, 2 gennaio 2009 at 9:58 am

Adesso però basta

leave a comment »

So let us stop. Hold our fire. For once, let us attempt to act against our usual reflexes. Against the deadly logic of military power and the dynamic of escalation. We can always start shooting again. The war will not run away, as Barak himself said two weeks ago. If we demonstrate that we can halt, we will not lose international support. We will gain even more if we demonstrate such well-considered self-control, and if we invite the international and Arab communities to intervene and mediate.

David Grossman (il cui figlio Uri è morto in battaglia nel 2006), oggi

Written by Gianni Silei

mercoledì, 31 dicembre 2008 at 9:57 am

Quando il politico va in vacanza

leave a comment »

Come molti sanno, Hitler preferiva il fine settimana per realizzare i suoi colpi di mano in politica estera. Ad esempio, la rimilitarizzazione della Renania (e non dell’Arenaria, come talvolta capita di sentire da qualche esaminando), avvenne, in spregio agli accordi internazionali, il 7 marzo 1936. Di sabato. Lo stesso dicasi per l’annessione dell’Austria: 12 marzo 1938, ancora sabato.

La scelta non era casuale. Il führer sapeva che i politici inglesi, membri del governo inclusi, osservavano scrupolosamente la tradizione nazionale del week-end e dedicavano perciò al riposo gli ultimi due giorni della settimana,  spesso recandosi in campagna o in altre amene località fuori Londra. Il che rendeva più lunga e macchinosa la reazione dell’esecutivo di Sua Maestà in caso di improvvise emergenze, amplificando il fattore sorpresa a favore della Germania nazista.

Alla luce di alcune recenti notazioni di cronaca, e fatte – per carità – tutte le debite proporzioni, è divertente immaginare quale incredibile accelerazione avrebbe avuto la politica espansionistica del nazionalsocialismo se Neville Chamberlain avesse gestito la crisi di Monaco dai Caraibi o se Anthony Eden avesse rilasciato alla stampa le prime dichiarazioni sull’occupazione da parte della Wehrmacht della regione renana  in tuta da sci dentro una baita di montagna.

Written by Gianni Silei

martedì, 30 dicembre 2008 at 8:28 pm

Obama e McCain? Come il cavallo di Caligola

leave a comment »

Parafrasando Paolo Conte, “mentre ancora i sondaggi impazzano e i media scorrazzano” (naturalmente per le boutiques alla ricerca degli scontrini degli ultimi “straccetti” acquistati da Sarah Palin), Arno J. Mayer, su Le Monde Diplomatique, smorza le speranze di coloro che si attendono svolte clamorose degli USA in politica estera.

Tutto questo indipendentemente dall’esito del voto.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Gianni Silei

venerdì, 24 ottobre 2008 at 4:07 pm