Tau Zero

Chi legge la storia, se non gli storici quando correggono le loro bozze?

Archive for the ‘guerra’ Category

Una guerra comprensibile. Ma stupida

with 3 comments

(Emblema - Corriere della Sera)

Non esiste paese al mondo – scrive oggi sul Times il rabbino Michael Lerner, esponente di primo piano del dialogo interreligioso  – che possa tollerare senza reagire il lancio giornaliero di missili sul proprio territorio da parte di una nazione vicina. Se in Messico un gruppo di anti-imperialisti decidesse di bombardare il Texas è facile immaginare come risponderebbero gli Stati Uniti e soprattutto quali sarebbero i tempi di reazione.

L’attacco di Israele, prosegue il direttore di Tikkun Magazine, è dunque giustificabile. Ciò non toglie che sia, però, anche stupido. Stupido perché – a suo dire – assolutamente sproporzionato, di una durezza eccesiva nei confronti dei civili innocenti (sempre il Times ha accusato tra l’altro le forze armate israeliane di usare bombe al fosforo sul centro abitato di Gaza).

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Written by Gianni Silei

lunedì, 5 gennaio 2009 at 3:10 pm

Adesso però basta

leave a comment »

So let us stop. Hold our fire. For once, let us attempt to act against our usual reflexes. Against the deadly logic of military power and the dynamic of escalation. We can always start shooting again. The war will not run away, as Barak himself said two weeks ago. If we demonstrate that we can halt, we will not lose international support. We will gain even more if we demonstrate such well-considered self-control, and if we invite the international and Arab communities to intervene and mediate.

David Grossman (il cui figlio Uri è morto in battaglia nel 2006), oggi

Written by Gianni Silei

mercoledì, 31 dicembre 2008 at 9:57 am

Le bombe di Gaza, Israele e la sindrome dei carri in cerchio

leave a comment »

rodriguez

Edel Rodriguez (New York Times)

Durante la sua breve ma travagliata storia, Israele  è già ricorsa altre volte all’attacco preventivo contro quelle che di volta in volta ha considerato delle minacce per la propria esistenza.

Nel 1967, ad esempio, con la guerra dei sei giorni, impedì sul nascere un’aggressione da parte delle potenze arabe (eventualità che invece si sarebbe verificata  nel 1973 con la guerra del Kippur) bombardando le forze aeree nemiche prima ancora che potessero levarsi in volo e facendo poi seguire un vittorioso attacco via terra.

Per Benny Morris, noto per aver rivisitato (non senza polemiche) la storiografia sullo Stato di Israele, questa strategia ha funzionato egregiamente per oltre un trentennio. Dal 1948 al 1982 Israele è stata cioè in grado di fronteggiare abbastanza agevolmente la minaccia delle forze convenzionali di suoi nemici arabi. Adesso però – prosegue il capofila dei “nuovi storici” israeliani –  non è più così. E spiega il perché sul New York Times di oggi.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Gianni Silei

martedì, 30 dicembre 2008 at 11:47 am

E’ morto Huntington, teorico dello scontro delle civiltà

leave a comment »

A volte il destino è davvero beffardo. E’ morto Samuel Huntington. E la notizia è arrivata mentre a Gaza piovevano bombe.

Written by Gianni Silei

sabato, 27 dicembre 2008 at 7:03 pm

L’ultima intervista di George W. Bush

leave a comment »

Un paio di giorni fa Charlie Gibson, anchorman della ABC, è andato a Camp David ad intervistare George W. Bush. E, tra la altre cose, gli ha chiesto di fare un bilancio della sua presidenza.

Di seguito il video di quel colloquio dove si parla della campagna elettorale, di economia, di saldi principi morali ma soprattutto di intelligence, di armi di distruzione di massa e di guerra in Iraq.

“I was unprepared to war”

“The biggest regret”

Altri brani video  e la trascrizione completa dell’intervista qui

Written by Gianni Silei

mercoledì, 3 dicembre 2008 at 11:20 am

Se non puoi batterli, assumili

leave a comment »

Per anni il sunnita Saif Abdallah, esperto di ordigni elettronici, ha fatto saltare decine di convogli americani di pattuglia per le vie di Baghdad. Oggi Saif, con altri ex roadside bombers, per 300 dollari al mese aiuta i suoi ex-nemici a combattere Al-Qaeda. I particolari qui.

Written by Gianni Silei

lunedì, 24 novembre 2008 at 9:20 am