Tau Zero

Chi legge la storia, se non gli storici quando correggono le loro bozze?

Cargo turco in fiamme nell’Adriatico

with one comment

roro.jpgIl cargo turco Und Adriatik, in rotta verso il porto di Trieste, è in fiamme dalle prime ore del mattino del 6 febbraio. L’equipaggio e i nove passeggeri che si trovavano a bordo sono stati tratti in salvo da una nave greca. Le maggiori preoccupazioni, adesso, riguardano le sorti del traghetto. In fiamme e alla deriva, attualmente si trova nel tratto di mare in prossimità della località istriana di Pola. A bordo dell’imbarcazione sono stivati 200 tir e circa nove tonnellate di materiale pericoloso ed esplosivo, oltre ad 800 tonnellate di carburante e altre 50 tonnellate di diesel marino. Si temono gravissime conseguenze ambientali. Mobilitati nello spegnimento delle fiamme specialisti della protezione civile di Italia e Croazia ma anche della società che si occupò del recupero del sottomarino nucleare russo Kursk.


Corriere della Sera: “Traghetto in fiamme, a rischio L’Adriatico” (con galleria fotografica e video);
Repubblica: Adriatico, traghetto in fiamme: rischio inquinamento” (galleria fotografica) e video;
Quotidiano.Net:Nave in fiamme in Adriatico. ‘E’ una bomba ecologica’” (con galleria fotografica);
Aygazete.com: “200 TIR taşıyan Türk gemisi alev alev“;
CNN-Türk.com: “Adriyatik’te Türk şilebi yanıyor;
CNN-Türk.com: “Türk gemisindeki yangın kontrol altında“;
Jutarnji.hr: Specijalci s Kurska gase požar unutar plamtećeg broda“;
Vecernij.hr: “Stanje na mjestu havarije turskog broda je pod nadzorom, smanjen intenzitet požara” (con galleria fotografica) e “Tegljači odvlače brod i dalje ga polijevajući vodom“;
Vijesti.net: “Požar na turskom brodu znatno smanjen” e Počelo tegljenje izgorjelog turskog broda, ali ne zna se kamo“;
BBC News
: “Croatia contains cargo ship fire“;
Reuters-Alertnet: “Blazing freighter threatens oil spill off Croatia” con galleria fotografica.

Aggiornamento 09/02:
Le autorità croate annunciano: domate le fiamme a bordo

Written by Gianni Silei

giovedì, 7 febbraio 2008 a 5:37 pm

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Sono uno dei marinai che ha partecipato al salvataggio della nave, partito da Venezia con il rimorchiatore “Angelina C.” il 6 febbraio 2008, e ritornato a casa 16 gg dopo .
    Vi assicuro che è stata una esperienza molto particolare , senza contare la pericolosità in cui ci si trovava nel momento in cui si agganciava alla nave con un cavo d’acciaio per rimorchiarla .
    Avevamo a bordo due dei dodici tecnici olandesi della “Smith”,sparsi un pò su tutti i rimorchiatori presenti che erano veramente dei pazzoidi chen incuranti del pericolo si buttavano dentro ai locali della nave con le manichette per spegnere fino all’ultimo dei focolai…..

    Maurizio

    domenica, 16 marzo 2008 at 11:09 am


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: